Mixed media nazionale

Benvenuti,

È tanto tempo che trascuro sia blog sia, ahimè, lo scrap. Il lavoro diventa sempre più complesso e di conseguenza il poco tempo rimasto libero dal lavoro lo dedico allo studio e alla casa (ebbene sì, nel frattempo ho comprato casa e ho iniziato a convivere).

Lo scorso we mi sono concessa un ritorno alla vita (dico vita perchè quella attuale più che vita è sopravvivenza in attesa di tempi migliori), e sono andata al meeting nazionale che si è tenuto, con mia immensa gioia, proprio nella mia città.

Uno dei corsi è stato tenuto da Lisa Rabellino e son quasi riuscita a finire il progetto durante il corso, almeno la parte di mixed media.

La parte relativa a foto e abbellimenti mi ha atteso fino a casa perchè c’era questo foglio da tagliare con taaaaaaanta pazienza

All good things 13@rts

Chi mi conosce sa che odio, nell’ordine, i fiori e ritagliare.

Cosa ho fatto in uno smonto notte? Ho ritagliato tutti, ma dico tutti gli abbellimenti, nessuno escluso, a manina.

Quindi ho finito il progetto di lisa, che è risultato così:

in seguito una carrellata di particolari, in cui si puó vedere come lavorando su tantissimi piani di carte si possa ottenere un effetto bello pieno.

Fin qui nulla di nuovo, anche se vi ringrazio per avermi sopportata fin’ora.

Arrivata a questo punto la tela era finita ma avanzavano un bel po’ di foglie, fiori e piume rigorosamente ritagliate a mano…

Vorrai mica che dopo tanta fatica lasciassi lì tutto?!?

E quindi ho deciso che era ora di fare miei i vari live motiv che mi muovono quest’anno (clear the desk, scrap your stash, scrap with scraps): ho preso un bazzil grigio e una striscia azzurra di carta scrap (avanzata da altri lavori), un altro paio di ritagli che erano inutilizzati e uno sketch.

Visto che il bazzil mi sembrava un po’ vuoto l’ho decorato con la mousse nuvo e uno stencil:

Poi ho messo la striscia di patterned e gli altri avanzi, alcuni accuratamente mattati e incollati in rilievo, spruzzato in giro con la stessa mousse annacquata…. et voilà!!! Avanzo di LO pronto e finito!!!

Mi piace anche!!!

Devo dire che la mousse della nuvo mi piace parecchio: metallica ma vivace nel colore, dà la giusta luce. Anche le goccine non disturbano troppo, anche se ho abbondato ben bene.

Tutta “colpa” di marinella monte che me l’ha fatta scoprire!!!

Alla prossima!!!

Spatascio creativo

Ciao a tutte/i!!! Bentornate!!

In questo periodo di folli incastri organizzativi, l’unico momento in cui riesco a dedicarmi allo scrap è l’occasione in cui qualche amica scrappina mi rapisce dalla realtà, mi porta in luoghi magici dove non prende il cellulare e posso concedermi una giornata di creatività.

Questa volta non avevo forza di concentrarmi su misure, calcoli e strutture e quindi mi sono dedicata al mixed media…. Per la sottoscritta: spatascio!


Ho preso due tele e le ho unite assieme con una cernierina, in maniera tale che la tela fosse esterna e le due cornici interne affiancate mi facciano da contenitore.

Dopo questo unico e semplice lavoro di intelletto, ho raccolto un po’ di cianfrusaglie che avevo a casa: spago, perline che non avrei mai e poi mai usato, tappi di bottiglia, pailettes…. E le ho messe vicine alla mia tela. Avrei potuto partire da qui ma, essendo il mio primo mixed media, ho preferito crearmi una “base”. Ho preso delle bigz a forma di frecce e di ingranaggi e ho fustellato del chipboard avanzato (attenzione: non superate i 2mm di spessore, il meglio sarebbe il cartone della pizza che si assottiglia un poco), e le ho appoggiate in modo da creare un equilibrio: una porzione centrale e due piccoline agli angoli seguendo la regola del 3.


Dopodichè, approfittando della colla nuova acetovinilica recapitatami a domicilio dalla mia amica monica, e della bella giornata di sole, ho preso millemila cianfrusaglie che avevo previdentemente preso dalla mia scrivania e le ho incollate a caso riempiendo i buchi, ma cercando di mantenere i miei tre punti focali separati tra loro.

Cosa intendo per cianfrusaglie? Di tutto!!! Dallo spago, a vecchi tappi di bottiglia, perline abbandonate, nastri decorati… Qualsiasi cosa vi venga in mente.


Non fatevi ingannare dal colore! Tanto andrà coperto tutto e uniformato… Quindi addio remore e benvenuti spessori!!


Fate asciugare, passate una bella mano di gesso coprente e spruzzate col colore (potete anche passarlo con la spugna, come vi piace di più).

Infine serve un punto focale: io l’ho ottenuto con i magnifici legnetti di Alessia AcasadiAle. Ho dato una spruzzata di colore a contrasto, in questo caso l’arancio, e li ho usati per creare un piano in risalto per il mio titolo, che così sembra uscire, pulito pulito, dal casino che c’è sotto.


A questo punto ho aggiunto…. Ehm…. La carta dei biscotti…. (Sì, è proprio quella…) e il mio titolo fustellato in gomma crepla.


Vi lascio qualche foto dei particolari, perchè è talmente pieno che sembra di dimenticare sempre un pezzo….


  
Grazie per avermi sopportata e supportata!!!

A presto!!!

(Volte mica che non vi faccia vedere come lo finisco, no?)

Giulia